PDFStampaEmail

Lessico crociano (e-book)

    Un breviario filosofico-politico per il futuro
  • A cura di Rosalia Peluso
  • ISBN 978-88-6542-501-5
  • Pagine: 768
  • Anno: 2016
  • Formato: 14 x 21 cm
  • Collana: Criterio, 8
  • Supporto: file PDF (4.6 Mb)
Valutazione: Nessuna valutazione
Libro nel formato elettronico (e-book)

CR08_9788865425015.pdf

CR08_9788865425015.pdf

Prezzo:
Prezzo di vendita: 20,80 €
Ammontare IVA: 0,80 €
cr08
  • cr08
Descrizione

Cosa resta di Croce oggi? Il Lessico crociano che qui si presenta muove da questa domanda. Il progetto editoriale ha avuto inizio nel 2013, quando alcuni dei più autorevoli studiosi italiani e stranieri e una nuova generazione di interpreti di Croce sono stati invitati dalla curatrice a redigere un piccolo essenziale “lessico” concettuale del pensiero crociano. E così hanno preso forma le “voci” che qui si leggono e che spaziano dall’arte alla politica, dalla logica alla storia, dando testimonianza della variegata e complessa fisionomia intellettuale del pensatore che più e meglio di altri ha rappresentato nel Novecento lo spirito della filosofia italiana, anche al di fuori dei confini nazionali. Superata la stagione ideologica che ha visto schierati su due fronti avversi i “liquidatori” e i “difensori” ad oltranza del crocianesimo, e verificata pure l’insufficienza di una storiografia “monumentale” e “antiquaria” applicata alla carne ancora viva dell’eredità di pensiero crociana, il tempo è propizio per leggere finalmente Croce in modo positivamente “barbarico”, vale a dire da figli di nessuna scuola e con occhi nuovi. E verificare, di conseguenza, non la banale profetica attualità o la irredimibile inattualità dei contenuti quanto la benefica vitalità di un impianto metodologico e in generale di un approccio autenticamente cosmopolitico alle questioni del mondo. Per questo allo specialista così come al semplice curioso lettore di Croce si offre in sintesi un “breviario”: alcune propedeutiche e laicissime note recuperate da un passato ancora vivente, affinché possano servire agli uomini del presente per “prevedere” col pensiero gli scenari altrimenti irrappresentabili dell’azione nel futuro.

Rosalia Peluso, PhD, ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale (II fascia) in Filosofia teoretica e Filosofia morale. Collabora con l’Università di Napoli Federico II: qui ha a lungo lavorato con Renata Viti Cavaliere, che ha supervisionato il Lessico crociano in tutta la sua durata triennale e dirige la collana “Criterio” in cui è ospitato il volume. Assieme, e con Daniela Calabrò, dirigono infine la collana di filosofia “Vita Nova” (Le Lettere, Firenze). Tra le pubblicazioni della curatrice si ricordano le monografie Logica dell’altro. Heidegger e Platone (2008), L’identico e i molteplici. Meditazioni michelstaedteriane (2011), Michelstaedter al futuro (2012), i più recenti contributi dedicati a Benjamin (Walter Benjamin e l’esperienza del futuro (nel volume La coscienza del futuro, da lei curato con R. Viti Cavaliere, 2015) e Medusa, o della pietrificazione del vivente (in Architetture del vivente, a cura di D. Calabrò e V. Mascia, 2015), la traduzione e introduzione del volume di Hannah Arendt, Humanitas mundi. Scritti su Karl Jaspers (2015). Ha in corso di stampa per Le Lettere di Firenze il volume La cura Goethe. Eros e storia.

Segnalazioni e recensioni:
Società Dante Alighieri, 31 luglio 2016 
L'Unità, 3 agosto 2016
Repubblica, 22 settembre 2016
Corriere del Mezzogiorno, 22 settembre 2016
Rai Radio Tre, Qui comincia..., 7 dicembre 2016

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo titolo.
Video

Cosa resta di Croce oggi? Il Lessico crociano che qui si presenta muove da questa domanda. Il progetto editoriale ha avuto inizio nel 2013, quando alcuni dei più autorevoli studiosi italiani e stranieri e una nuova generazione di interpreti di Croce sono stati invitati dalla curatrice a redigere un piccolo essenziale “lessico” concettuale del pensiero crociano. E così hanno preso forma le “voci” che qui si leggono e che spaziano dall’arte alla politica, dalla logica alla storia, dando testimonianza della variegata e complessa fisionomia intellettuale del pensatore che più e meglio di altri ha rappresentato nel Novecento lo spirito della filosofia italiana, anche al di fuori dei confini nazionali. Superata la stagione ideologica che ha visto schierati su due fronti avversi i “liquidatori” e i “difensori” ad oltranza del crocianesimo, e verificata pure l’insufficienza di una storiografia “monumentale” e “antiquaria” applicata alla carne ancora viva dell’eredità di pensiero crociana, il tempo è propizio per leggere finalmente Croce in modo positivamente “barbarico”, vale a dire da figli di nessuna scuola e con occhi nuovi. E verificare, di conseguenza, non la banale profetica attualità o la irredimibile inattualità dei contenuti quanto la benefica vitalità di un impianto metodologico e in generale di un approccio autenticamente cosmopolitico alle questioni del mondo. Per questo allo specialista così come al semplice curioso lettore di Croce si offre in sintesi un “breviario”: alcune propedeutiche e laicissime note recuperate da un passato ancora vivente, affinché possano servire agli uomini del presente per “prevedere” col pensiero gli scenari altrimenti irrappresentabili dell’azione nel futuro.

Rosalia Peluso, PhD, ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale (II fascia) in Filosofia teoretica e Filosofia morale. Collabora con l’Università di Napoli Federico II: qui ha a lungo lavorato con Renata Viti Cavaliere, che ha supervisionato il Lessico crociano in tutta la sua durata triennale e dirige la collana “Criterio” in cui è ospitato il volume. Assieme, e con Daniela Calabrò, dirigono infine la collana di filosofia “Vita Nova” (Le Lettere, Firenze). Tra le pubblicazioni della curatrice si ricordano le monografie Logica dell’altro. Heidegger e Platone (2008), L’identico e i molteplici. Meditazioni michelstaedteriane (2011), Michelstaedter al futuro (2012), i più recenti contributi dedicati a Benjamin (Walter Benjamin e l’esperienza del futuro (nel volume La coscienza del futuro, da lei curato con R. Viti Cavaliere, 2015) e Medusa, o della pietrificazione del vivente (in Architetture del vivente, a cura di D. Calabrò e V. Mascia, 2015), la traduzione e introduzione del volume di Hannah Arendt, Humanitas mundi. Scritti su Karl Jaspers (2015). Ha in corso di stampa per Le Lettere di Firenze il volume La cura Goethe. Eros e storia.

Segnalazioni e recensioni:
Società Dante Alighieri, 31 luglio 2016 
L'Unità, 3 agosto 2016
Repubblica, 22 settembre 2016
Corriere del Mezzogiorno, 22 settembre 2016
Rai Radio Tre, Qui comincia..., 7 dicembre 2016