PDFStampaEmail

La civetta e la croce

    Filosofia e religione cristiana in Hegel
  • Autore: Antonio Pirolozzi
  • ISBN 978-88-6542-555-8
  • Pagine: 296
  • Anno: 2017
  • Formato: 14 x 21 cm
  • Collana: Criterio, 10
  • Supporto: libro cartaceo
Valutazione: Nessuna valutazione
Prezzo:
Prezzo di vendita: 20,00 €
cr10
  • cr10
Descrizione

L’oggetto della filosofia della religione non è il Dio astratto della metafisica illuministica, ma il Dio vivente, il Dio che è Spirito. Le lezioni di filosofia della religione, però, non sono soltanto l’esposizione del concetto di religione e del processo che porta all’unità dell’oggetto, l’Assoluto, e del soggetto, la coscienza credente. Infatti, queste sono anche “un colpo d’occhio” sul mondo contemporaneo ad Hegel. Il filosofo di Stoccarda riflette sulla scissione del soggetto che ha spezzato il suo rapporto armonioso che in precedenza lo legava alla verità e al contenuto infinito offerto dalla tradizione religiosa. In ogni corso, Hegel prende posizione di volta in volta in modo sempre aggiornato sulla situazione del suo tempo, per poi tracciare a grandi linee un bilancio al fine di partire da lì nella ricerca della soluzione. Le pagine che seguono vogliono ripercorrere in maniera sistematica, e talvolta con novità, l’itinerario speculativo hegeliano degli anni berlinesi sulla religione manifesta, ovvero il cristianesimo. Metodologicamente si è potuto procedere grazie alla traduzione italiana, a cura di Roberto Garaventa e di Stefania Achella, dell’edizione critica delle Vorlesungen über die Philosophie der Religion, curata in Germania da Walter Jaeschke. Il presente lavoro si chiude con un’Appendice che contiene la prima traduzione integrale del Fragment vom Dreieck der Dreiecke di Hegel, e con un saggio che ho voluto dedicare alle interpretazioni italiane che Raffaele Mariano, Benedetto Croce e Carlo Antoni hanno rivolto alla filosofia della religione di Hegel.

Antonio Pirolozzi (Napoli 1991) si è laureato con lode in Filosofia teoretica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” con una tesi su Logica, Filosofia della storia, Filosofia della religione: Carlo Antoni interprete di Hegel. La sua attività scientifica si è prevalentemente soffermata sulla filosofia della religione di Hegel e sulla ricezione di quest’ultima in Italia tra la fine dell’Ottocento e il Novecento con particolare attenzione all’interpretazione di Benedetto Croce e di Carlo Antoni. È autore della Memoria accademica Sulla filosofia della religione di Hegel. Da Croce a Carlo Antoni (2015), della voce Religione per il Lessico crociano (2015), di articoli e recensioni. Attualmente è dottorando presso la Pontificia Università Antonianum di Roma.

 

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo titolo.
Subcategory
Video

L’oggetto della filosofia della religione non è il Dio astratto della metafisica illuministica, ma il Dio vivente, il Dio che è Spirito. Le lezioni di filosofia della religione, però, non sono soltanto l’esposizione del concetto di religione e del processo che porta all’unità dell’oggetto, l’Assoluto, e del soggetto, la coscienza credente. Infatti, queste sono anche “un colpo d’occhio” sul mondo contemporaneo ad Hegel. Il filosofo di Stoccarda riflette sulla scissione del soggetto che ha spezzato il suo rapporto armonioso che in precedenza lo legava alla verità e al contenuto infinito offerto dalla tradizione religiosa. In ogni corso, Hegel prende posizione di volta in volta in modo sempre aggiornato sulla situazione del suo tempo, per poi tracciare a grandi linee un bilancio al fine di partire da lì nella ricerca della soluzione. Le pagine che seguono vogliono ripercorrere in maniera sistematica, e talvolta con novità, l’itinerario speculativo hegeliano degli anni berlinesi sulla religione manifesta, ovvero il cristianesimo. Metodologicamente si è potuto procedere grazie alla traduzione italiana, a cura di Roberto Garaventa e di Stefania Achella, dell’edizione critica delle Vorlesungen über die Philosophie der Religion, curata in Germania da Walter Jaeschke. Il presente lavoro si chiude con un’Appendice che contiene la prima traduzione integrale del Fragment vom Dreieck der Dreiecke di Hegel, e con un saggio che ho voluto dedicare alle interpretazioni italiane che Raffaele Mariano, Benedetto Croce e Carlo Antoni hanno rivolto alla filosofia della religione di Hegel.

Antonio Pirolozzi (Napoli 1991) si è laureato con lode in Filosofia teoretica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” con una tesi su Logica, Filosofia della storia, Filosofia della religione: Carlo Antoni interprete di Hegel. La sua attività scientifica si è prevalentemente soffermata sulla filosofia della religione di Hegel e sulla ricezione di quest’ultima in Italia tra la fine dell’Ottocento e il Novecento con particolare attenzione all’interpretazione di Benedetto Croce e di Carlo Antoni. È autore della Memoria accademica Sulla filosofia della religione di Hegel. Da Croce a Carlo Antoni (2015), della voce Religione per il Lessico crociano (2015), di articoli e recensioni. Attualmente è dottorando presso la Pontificia Università Antonianum di Roma.