La calata degli Ungheri in Italia nel Novecento

Nessuna valutazione
SKU: 9788865428757    Titolo disponibile
  • BS110
24,00 €
Autore: Davide Bertolotti
A cura di Aldo Maria Morace
ISBN 978-88-6542-875-7
Pagine: 264
Anno: 2023
Formato: 15 x 21 cm
Collana: Biblioteca di Sinestesie, 110
Supporto: libro cartaceo

Scritto e pubblicato in rivista nel 1822, e poi in volume nel ’23, La calata degli Ungheri in Italia nel Novecento è il primo romanzo storico italiano. Supportato da una solidissima documentazione storica, realizza una convincente mistione fra storia e invenzione imperniandosi – secondo il precetto scottiano – sul vivace tratteggio di un momento nodale dell’età di mezzo in Italia. Bertolotti vi ha messo a frutto le sue indubbie doti di narratore, rendendo vivi e attrattivi gli inserti antropologici che caratterizzavano gli usi e i costumi, le tradizioni e le ritualità e le superstizioni del popolo magiaro. Il taglio breve dei capitoli – davvero un unicum nella storia ottocentesca del romanzo storico – è finalizzato a una rapidità diegetica che, però, non deve occultare il ritmo innovativo della metrica del racconto e la costruzione accurata della struttura narrativa, purtroppo insidiati dalla stereotipia dei personaggi. A mancare, purtroppo, è una coerente fusione di lingua e stile in sintonia con la tecnica diegetica; e il registro espressivo è fin troppo proteso a ricercare esiti nobili ed alti (frequente il costrutto inverso dei segmenti frastici e periodali, caro a d’Arlincourt), di contro alla magrezza della struttura e al respiro veloce del narrato.

Davide Bertolotti (Torino il 2 settembre 1784 - 12 aprile 1860) inizia la sua attività letteraria con una serie nutrita di traduzioni e con testi poetici di celebrazione napoleonica. Trasferitosi a Milano nel 1812, si converte alle «piane regioni della prosa» e acquista una vasta risonanza dirigendo e compilando prima «Lo Spettatore» e poi «Il Raccoglitore» e, al tempo stesso, dedicandosi a un febbrile poligrafismo che spazia fra romanzi e novelle a forte impronta patetico-sentimentale e volumi «dilettevoli» di viaggio, riscuotendo molto successo di pubblico, soprattutto femminile. Tornato definitivamente a Torino nel ’34, pratica la scrittura di viaggio e di divulgazione storica, ma soprattutto torna alla poesia, scrivendo un ambizioso poema in dodici canti sulla creazione, Il Salvatore (1844), cui si applica fin quasi alla morte.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo titolo.

Le novità editoriali

Confronta (0)

NascondiMostra