PDFStampaEmail

L'architettura del museo (e-book)

    disegno, modello, progetto
  • Autori: Michele Caja e Maria Pompeiana Iarossi
  • ISBN 978-88-6542-639-5
  • Pagine: 210
  • Anno: 2018
  • Formato: 17 x 25 cm
  • Collana: Architettura e contemporaneità, 3
  • Supporto: file PDF (12.7 Mb)
Valutazione: Nessuna valutazione
Libro nel formato elettronico (e-book)

AC03-9788865426395.pdf

AC03-9788865426395.pdf

Prezzo:
Prezzo di vendita: 15,60 €
Ammontare IVA: 0,60 €
ac03
  • ac03
Descrizione

Il museo – alla pari delle stazioni, dei teatri, delle biblioteche, degli ospedali, delle prigioni o dei manicomi – rappresenta una delle tipologie architettoniche maggiormente emblematiche della città ottocentesca, nel presentarsi come oggetto architettonico compatto, sobrio e solitamente autonomo nella sua collocazione urbana: in prossimità di un fiume o su di un’isola fluviale; ai margini di un parco o in un invaso spaziale ritagliato nella trama ortogonale di lotti residenziali; ubicato scenograficamente al centro di una piazza o tangenzialmente ad un tracciato stradale; a confronto con un edificio gemello o intercluso in un esteso isolato urbano.
Maria Pompeiana Iarossi e Michele Caja propongono, nelle pagine di questo volume, non solo l’analisi grafica e descrittiva di questi splendidi monumenti civici ottocenteschi, caratterizzati dalla loro solitudine posizionale, ma anche altre complesse strutture museali costituenti recinti architettonici semiaperti capaci di accogliere porzioni di paesaggi urbani naturali o artificiali: ad esempio la galleria degli Uffizi a Firenze, il Museo del Louvre a Parigi rappresentano, entrambi, una diversa concezione di edificazione museale che esplicita architettonicamente l’origine dell’arte del conservare e dell’esporre la memoria dei valori culturali del passato all’interno della città rinascimentale.

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo titolo.
Video

Il museo – alla pari delle stazioni, dei teatri, delle biblioteche, degli ospedali, delle prigioni o dei manicomi – rappresenta una delle tipologie architettoniche maggiormente emblematiche della città ottocentesca, nel presentarsi come oggetto architettonico compatto, sobrio e solitamente autonomo nella sua collocazione urbana: in prossimità di un fiume o su di un’isola fluviale; ai margini di un parco o in un invaso spaziale ritagliato nella trama ortogonale di lotti residenziali; ubicato scenograficamente al centro di una piazza o tangenzialmente ad un tracciato stradale; a confronto con un edificio gemello o intercluso in un esteso isolato urbano.
Maria Pompeiana Iarossi e Michele Caja propongono, nelle pagine di questo volume, non solo l’analisi grafica e descrittiva di questi splendidi monumenti civici ottocenteschi, caratterizzati dalla loro solitudine posizionale, ma anche altre complesse strutture museali costituenti recinti architettonici semiaperti capaci di accogliere porzioni di paesaggi urbani naturali o artificiali: ad esempio la galleria degli Uffizi a Firenze, il Museo del Louvre a Parigi rappresentano, entrambi, una diversa concezione di edificazione museale che esplicita architettonicamente l’origine dell’arte del conservare e dell’esporre la memoria dei valori culturali del passato all’interno della città rinascimentale.