PDFStampaEmail

Una rivelazione minacciosa

  • Autore: Mario Andrea Rigoni
  • ISBN 978-88-6542-630-2
  • Pagine: 40
  • Anno: 2018
  • Formato: 12,5 x 19 cm
  • Collana: Feuilles détachées, 25
  • Supporto: libro cartaceo
Valutazione: Nessuna valutazione
Prezzo:
Prezzo di vendita: 8,00 €
fd25f
  • fd25f
Descrizione

La «rivelazione minacciosa» alla quale si riferisce il titolo di questa raccolta di brevi scritti di Mario Andrea Rigoni – che rientrano nel genere del personal essay – è quella della malattia e del dolore. Le due esperienze rappresentano infatti per l’autore non solo una separazione dalla vita ordinaria ma anche uno choc conoscitivo, un rovesciamento delle certezze quo­tidiane, insieme «porta e assaggio dell’Inferno».Tale visione non esclude che nella vita l’evento opposto al dolore, ossia la felicità, si offra miracolosamente all’individuo, persino nelle forme più piene: solo che essa, come la fortuna, come tutte le cose umane, «non è destinata a durare».

Mario Andrea Rigoni è ordinario di Letteratura italiana al­l’Uni­versità di Padova, saggista e scrittore. Tra le sue recenti pubblicazioni: Vanità (Aragno, 2010), Estra­neità (postfazione di Paola Ca­priolo, La scuola di Pitagora, 2014), Scorciatoie per l’abisso (Aragno, 2015), Lo scrittore come critico (La scuola di Pitagora, 2015), Maschere della verità. Il pensiero figurato dal Medio Evo al Barocco (Carocci, 2016), Per Cioran (La scuola di Pitagora, 2017), Miraggi (Elliot, 2017), G. Leopardi, Poesie, a cura di M. A. Rigoni (XII ed., Mondadori, “I Meridiani”, 2017), Il materialismo romantico di Leopardi (II ed., La scuola di Pitagora, 2018).

Recensioni
Nessuna recensione disponibile per questo titolo.
Subcategory
Video

La «rivelazione minacciosa» alla quale si riferisce il titolo di questa raccolta di brevi scritti di Mario Andrea Rigoni – che rientrano nel genere del personal essay – è quella della malattia e del dolore. Le due esperienze rappresentano infatti per l’autore non solo una separazione dalla vita ordinaria ma anche uno choc conoscitivo, un rovesciamento delle certezze quo­tidiane, insieme «porta e assaggio dell’Inferno».Tale visione non esclude che nella vita l’evento opposto al dolore, ossia la felicità, si offra miracolosamente all’individuo, persino nelle forme più piene: solo che essa, come la fortuna, come tutte le cose umane, «non è destinata a durare».

Mario Andrea Rigoni è ordinario di Letteratura italiana al­l’Uni­versità di Padova, saggista e scrittore. Tra le sue recenti pubblicazioni: Vanità (Aragno, 2010), Estra­neità (postfazione di Paola Ca­priolo, La scuola di Pitagora, 2014), Scorciatoie per l’abisso (Aragno, 2015), Lo scrittore come critico (La scuola di Pitagora, 2015), Maschere della verità. Il pensiero figurato dal Medio Evo al Barocco (Carocci, 2016), Per Cioran (La scuola di Pitagora, 2017), Miraggi (Elliot, 2017), G. Leopardi, Poesie, a cura di M. A. Rigoni (XII ed., Mondadori, “I Meridiani”, 2017), Il materialismo romantico di Leopardi (II ed., La scuola di Pitagora, 2018).