La freccia e il cerchio. Nemico/Scelta

Nessuna valutazione
SKU: 9788865427903    Titolo disponibile
  • FC08
28,50 € 30,00 €
Autori vari
ISSN 2037-5069-8
ISBN 978-88-6542-790-3
Pagine: 416
Anno: 2021
Formato: 17 x 21 cm
Supporto: libro cartaceo

Sommario

1.
la conversazione/the conversation
Massimo Capaccioli, Bruno Moroncini
Oltre il nemico: compiere una scelta
Beyond the enemy: making a choice
MORONCINI: …noi non scegliamo di nascere in un certo luogo del mondo,
in una certa classe sociale. Tuttavia, questo deve diventare
l’oggetto ulteriore di una scelta eticache dobbiamo fare, diventando
responsabili di qualcosa per cui in realtà non lo siamo visto che,
di fatto, ci è accaduto. La libertà, per me, si configura in questi termini.
CAPACCIOLI: Da parte mia non posso che rimarcare l’atteggiamento
assolutamente improprio, e non privo di sottintesa arroganza, di chi
configura l’uomo come il peggior nemico della natura e del pianeta.
Sarebbe come dire che una formica è nemica di Sansone.

2.
Rossana Valenti
‘Costruire’ il nemico, una scelta antica
‘Constructing’ the Enemy, an Ancient Choice
Le scelte che determinano la ‘costruzione’ del nemico nel mondo antico
rivelano una ricchezza concettuale e una rete di significati sui quali
ancora oggi è utile riflettere, collocandole su un asse di continuità.

3.
Patricia Peterle
A poesia: uma escolha da potencia de dizer
La poesia: una scelta della potenza del dire
Poetry: Choosing the power of speech A segunda metade do século XX, como se sabe, foi um momento
complexo, imbricado de tensões no que concerne as reflexões sobre a
linguagem, sobre a língua e sobre a palavra. Seu caráter funerário
e mortificante foi ressaltado tanto por debates filosóficos quanto literários,
marca que, sem dúvida, pode ser vista como um dom. Contudo, ela
também pode vir gerar a imagem de um “inimigo”, que impõe escolhas
relativas ao uso desse “instrumento”.

4.
Salvatore Ritrovato
Da Antigone a Sophie ad Agnese. I giorni della scelta
From Antigone to Sophie and Agnes. The Times of Choice
…il chierico che tradisce è proprio colui che non prende posizione,
non si schiera, non sceglie (e magari non riesce neanche a confessare
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo).

5.
Rosanna Cioffi
Materia e forma nel linguaggio dela scultura. Alcune riflessioni e
qualche emblemático esempio
Matter and form in the language of sculpture. Some reflections and
emblematic exsemples
…tratterò “la coppia” di questo numero monografico attraverso le scelte
che emblematici artisti del passato – sia pure di fama e di levatura
molto diverse – fecero rispetto all’eterno conflitto tra materia e
forma insito per eccellenza nel linguaggio della scultura.

6.
Giulio Brevetti
Il profilo del nemico.
Ritratti del Casanova felliniano, tra pittura e cinema
Enemy’s profile.
Portraits of the fellinian casanova, between painting and cinema
Il ruolo pubblico di poeta e ancor più di seduttore di Casanova è dunque
servito da Fellini tramite l’uso del profilo, capace di assicurare, più ancora che la visione frontale del volto, quell’aspetto altero e fiero alla base
della sua sgradevole visione del personaggio…

7.
Ulderico Pomarici
Primato del nemico o primato della scelta?
Percorsi di una dialettica senza sintesi
Primacy of the Enemy or Primacy of Choice?
The thread of a holistic debate
…la giustizia si trasforma in diritto dal momento in cui si costituisce
nella coscienza di un Terzo. Non prima. Dunque il diritto costituisce
il primato della Scelta sull’idea del Nemico, il relativo contro l’assoluto...

8.
Massimo Bocchiola
Oh, padre, oh padre mio!...
Father, dear father...
…la nuova verità fa vacillare l’identità stessa del nemico,
la nostra forza di attribuirgliene una e la sua forza di conservarla.

9.
giocattoli/toys
Marco Bianchini
Soldatini di carta/Paper soldiers

10.
Alberto Fraccacreta
Canzoni del cacciatore di scalpi
Songs of the Scalp Hunter
Soltanto immaginare, seduto. Come nella terra damnata,
regina delle aridità, in una zolla bruciata
non azzurra che dal New Mexico
può arrivare alle prime svirgolate del Gargano…

11.
Marco Sonzogni
Api e lucciole
Bees and glowworms
“Ed ecco ora mi alzerò, a Innisfree andrò”, vero?
“là una casa costruirò, d’argilla e canne io la farò;
là io avrò nove filari ed un alveare, perché
le api facciano miele”. Sì. Altra traduzione.

12.
Richard Harrison
The final cut
La versione finale
Between the day in June my mother booked her death and the day in July when
the doctor came, my mother grew heavy in the hospital on twelve last suppers.

Notizie sugli autori/About the author

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo titolo.

Le novità editoriali

Confronta (0)

NascondiMostra