• Thesaurus Graecae linguae
    Thesaurus Graecae linguae
    Il più ampio dizionario di greco, in 9 volumiLeggi altro...
  • Novus linguae et eruditionis Romanae thesaurus
    Novus linguae et eruditionis Romanae thesaurus
    di Johann Matthias Gesner, il dizionario di latino, in 2 volumiLeggi altro...
  • M
    M'illumino d'immenso
    La scala del palazzo Cassano Ayerbo d’AragonaLeggi altro...

Lettere veneziane

Nessuna valutazione
SKU: 9788865421352    Titolo disponibile
  • BCE04.png
5,00 € 13,00 €
Autore: William Beckford
introduzione, cura e traduzione di Paolo Pepe
testo inglese a fronte
ISBN 978-88-6542-135-2
Pagine: 128
Anno: 2012
Formato: 15 x 21 cm
Supporto: libro cartaceo
Prezzo di copertina: 13,00 euro

Agli inizi di aprile del 1783, Dreams Waking Thoughts and Incidents, il volume che raccoglie le memorie di viaggio di William Beckford, è pronto per la pubblicazione. Il giorno 15 dello stesso mese di aprile, perà², cedendo alle pressioni familiari, Beckford ritira l'intera tiratura e la brucia. Delle cinquecento copie stampate ne salva appena sei, che custodisce  nella biblioteca di famiglia, a Fonthill, a disposizione di pochi selezionati amici. Dreams vedrà  la luce solo nel 1834, puntigliosamente revisionato da Beckford nella forma, nello stile e nel contenuto, come primo volume di Italy; with Sketches of Spain and Portugal, incontrando favore di pubblico e di critica.

Qui si presentano in traduzione, tratte dall'edizione del 1834, le lettere relative al soggiorno a Venezia, la tappa iniziale del viaggio in Italia. Su Beckford, giovane colto e raffinato, nutrito delle atmosfere malinconiche dei canti di Ossian, smarrito nei mondi favolosi delle Mille e una notte e dell'Orlando Furioso, la Serenissima esercita un fascino straordinario, suscitando impressioni potenti, alimentando fantasie che nella pagina scritta si traducono nella prima vera rappresentazione letteraria di Venezia come città  «orientale», luogo a un tempo fisico e sospeso. Una città  in cui il giovane Beckford si riconosce e alla quale si abbandona. Venezia: ambigua e sensuale, fragile e decadente, eterea e carnale.

 

William Thomas Beckford (1760-1844), l'autore di Vathek: An Arabian Tale (1786), è una delle personalità  letterarie più versatili e controverse dell'Inghilterra di fine Settecento. Scrittore di racconti, di romanzi e libri di viaggio, musicista per diletto, bibliofilo, collezionista d'arte, soprattutto detentore di una delle maggiori fortune d'Europa, Beckford visse una vita per molta parte segnata dall'eccesso, fino a quando, in seguito a un grave dissesto finanziario, nel 1822, non decide di ritirarsi a Bath.

Recensioni:
La nuova Venezia, 3 gennaio 2017
Carmilla, 21 gennaio 2017
Recensione di Alberto Toso Fei del 20 marzo 2017

 

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo titolo.

Le novità editoriali

In preparazione

I marchi editoriali

Carta del docente
Novità IISF
Novità Eutimia
Offerte speciali

Confronta (0)

NascondiMostra