Intuizione intellettuale e sintesi trascendentale in Kant (e-book)

Not Rated Yet
SKU: 9788865424308    Product in stock
  • PC01.jpg
9,36 €
Autore: Giuseppe Giannetto
ISBN 978-88-6542-430-8
Pagine: 192
Anno: 2015
Formato: 15 x 21 cm
Collana: Pensare e conoscere, 1
Supporto: file PDF (1.4 Mb)

L’Autore in questa monografia ha trattato con interesse teoretico alcuni temi complessi del criticismo kantiano, non sempre messi in giusto rilievo dall’ermeneutica kantiana, che consentono, nondimeno, una comprensione più compiuta del pensatore tedesco. Il primo tema è legato alla teoria dell’intuizione intellettuale, che, quando viene intesa entro l’ambito dell’opposizione tra intelletto intuitivo e intelletto discorsivo, non pone in risalto i diversi tipi di molteplice presenti nel criticismo. Il ruolo dell’intelletto, infatti, come viene opportunamente dimostrato nella monografia, è più esteso rispetto a quello dell’intelletto intuitivo e a quello dell’intelletto discorsivo che sono quasi specie di uno stesso genere più ampio rappresentato dall’ intelletto. Ciò porta ad approfondire la distinzione tra pensare e conoscere, l’estensione maggiore del pensare rispetto al conoscere, la distinzione tra uso trascendentale e significato trascendentale delle categorie e il ruolo svolto dai concetti arbitrari. In base a questa prospettiva, prima viene individuata la presenza di una intuizione intellettuale finita anche in Leibniz e in Kant, poi, viene attentamente considerata la sintesi trascendentale e, soprattutto, la sintesi intellettuale che si riferisce, come viene interpretato in modo convincente, alla metaphysica specialis. Oltre a questo particolare campo della metafisica, l’Autore ritiene che sarebbe stato anche possibile – sebbene Kant critichi nella Critica della ragion pura, diversamente dalla fase precritica, l’esistenza di mondi possibili riduttivamente considerati secondo la regola logica della conversione – applicare,mediante la formulazione di giudizi ipotetici concepiti in senso euristico, la sintesi intellettuale ad ideare altri mondi. La monografia termina con alcune considerazioni sull’idealismo trascendentale, dove il filosofo tedesco, pur interrogandosi su ciò che è fuori del soggetto finito,continua, in realtà, a rimanere entro i limiti della relazione fenomenica.

Giuseppe Giannetto è professore ordinario di Filosofia teoretica e insegna Gnoseologia nell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Dipartimento di Studi Umanistici, sezione di Filosofia, al Corso di Laurea Triennale in Filosofia e al Corso di Laurea Magistrale in Filosofia. Ha anche insegnato Ermeneutica filosofica nel Corso di Laurea Magistrale in Filosofia. Autore di numerosi Articoli, Saggi e Memorie su temi fondamentali della filosofia moderna e contemporanea, ha pubblicato le monografie: Kant e l’interpretazione (1978), Spinoza e l’idea del comprendere (1980), Filosofia e Trascendenza (1985), Pensiero e Disegno. Leibniz e Kant (1990), Principio di ragione e metafisica in Leibniz e Kant (1996), Fondamento e mondi possibili in Leibniz (2005), Serie, rapporto fra serie e tempo (2009), Idee innate, figura e giudizio in Cartesio (2009), Le idee innate come disposizioni della mente in Cartesio (2010), Idee innate e ontologia della mente in Cartesio (2011), Intuire e pensare. Studi su Cartesio, Kant e Jaspers (2012), Operazioni della mente e serie nelle Regulae ad directionem ingenii di Cartesio (2013), Tempo e rappresentazione in Kant (2013).


Recensioni:
Studi kantiani, n. XXIX, 2016

 

Reviews

There are yet no reviews for this product.

Le novità editoriali

Compare (0)

HideShow