Il libro nero

Not Rated Yet
SKU: 9788865428016    Product in stock
  • VA04
20,00 €
Autore: Giovanni Papini
Introduzione di Anna Scarantino
ISBN 978-88-6542-801-6
Pagine: 280
Anno: 2021
Formato: 14 x 21 cm
Collana: Le veglie di Attico, 4
Supporto: libro cartaceo

A distanza di venti anni, 1951, Papini torna a dare voce al miliardario americano Gog; gli resta poco tempo da vivere, ma la verve di quel fortunato libro uscito nel 1931, Gog appunto, è intatta. La guerra mondiale, la seconda, da poco terminata con lo scoppio dei primi ordigni atomici, e il dopoguerra, che sembra proseguirla piuttosto che concluderla, suggeriscono a Papini il titolo del nuovo diario di Gog, Il libro nero, «perché i [suoi] fogli appartengono quasi tutti a una delle età più nere della storia umana».
A cominciare da Ernest Orlando Lawrence, il fisico che partecipò all’invenzione della bomba atomica, vi parlano personaggi e artisti del Novecento (Hitler, Molotov, Picasso, Dalì, Valéry, Wright) e, grazie all’espediente letterario del ritrovamento di manoscritti di opere inedite, scrittori e poeti moderni e contemporanei: Cervantes e Goethe, Blake e Browning, Kierkegaard e Kafka, Stendhal e Tolstoj, Hugo e Whitman, Leopardi e Unamuno.
Ogni capitolo – come Gog il nuovo diario si presenta in forma di sequenza di capitoli autonomi – è una trovata, un paradosso, un divertimento, «è come un libro – disse Prezzolini – e diventa talvolta come il riassunto di un libro e si desidererebbe che l’autore lo svolgesse», che scrivesse «una biblioteca»: un giudizio solo in apparenza riduttivo, perché in effetti l’opera contiene una biblioteca potenziale. E dimostra, aggiungiamo noi, una capacità visionaria non comune, grazie alla quale Papini riesce ad antivedere la fecondazione artificiale, l’avanzata della Cina, l’intelligenza artificiale applicata alla giustizia, le urgenze ambientaliste.
Ma dietro la capacità visionaria apocalittica, dietro il grottesco e l’assurdo con i quali viene denunciata la catastrofe universale prodotta dalla modernità, si cela l’aspirazione a riconquistare l’armonia perduta del mondo, la speranza di una redenzione che tocca il cuore e disacerba la denuncia, che solo apparentemente è cinica, fredda e spietata.

Di Giovanni Papini (1881-1956), «uno scrittore indegnamente disprezzato» (Carlo Bo), sono usciti presso La scuola di Pitagora: Dante vivo (2016), L’altra metà (2016), Gog (2017).

Reviews

There are yet no reviews for this product.