Il congresso dei morti

Nessuna valutazione
SKU: 9788889579831    Titolo disponibile
  • IT01.jpg
2,50 € 10,00 €
Autore: Zino Zini
A cura di Nerio Nesi, introduzione di Giancarlo Bergami
ISBN 978-88-89579-83-1
Pagine: 128
Anno: 2005
Formato: 12 x 16,5 cm
Prezzo di copertina: 10,00 €

Pubblicato, in pochi esemplari nel 1921 dal Partito Comunista Italiano, all’indomani della fine della prima guerra mondiale, il libro divenne subito introvabile, perché sequestrato e distrutto dal Fascismo. 
È una presa di posizione contro la guerra, contro tutte le guerre che sciaguratamente l’umanità ha combattuto. I giovani, i morti di tante battaglie si raccolgono a congresso, e vogliono sapere perché essi, che volevano vivere, sono morti nel fiore degli anni. Parlano prima i responsabili della loro morte (Alessandro, Cesare, Napoleone, Attila, Goffredo di Buglione), poi parlano loro, i morti alle Termopili, i legionari romani, i fantaccini della Rivoluzione francese. Nel bel mezzo del dibattito interviene Cristo, per condannare chi, arbitrariamente, ha creduto di poter combattere in suo nome: l’unica legge che lui ha dato è quella dell’amore. Quando ha finito di parlare, scorge il soldato che a Lambessa gettò la spada. E gli dice: «Di tanti milioni di cristiani che si sono seguiti sulla faccia della terra e che tuttora la popolano, sei rimasto pressappoco l’unico che mi abbia ubbidito». 

Zino Zini (1868-1937). Fu professore di filosofia a Torino, ed uno dei protagonisti della vita politica e culturale della città agli inizi del Novecento. Rivelò il meglio di sé nel saggio breve, e nel dialogo filosofico: Il Congresso dei morti (1921), I fratelli nemici(1937).

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo titolo.

Le novità editoriali

Confronta (0)

NascondiMostra